Visitare gli Stati Uniti

Visitare gli Stati Uniti

Viaggiare negli Stati Uniti è un argomento sempre più popolare tra gli europei. Ciò è dovuto a molti fattori, tra cui la curiosità che il paese suscita nella maggior parte di noi. L’America è un mondo piuttosto “diverso” – questo paese è molto diverso dai nostri, ed è a più di ottomila chilometri di distanza da noi, e ciò rende alcune persone spaventate, altre addirittura eccitate.

Se vuoi fare un viaggio negli Stati Uniti, senza dubbio devi prepararti per un lungo e spesso costoso viaggio in aereo. Le vacanze in questo paese non sono le più economiche, ma i visitatori sicuramente lo ricorderanno per il resto della loro vita. Vale la pena visitare gli Stati Uniti? Cosa hai bisogno di portare con te in un viaggio di questo tipo? Quali documenti ti serviranno per lasciare senza problemi l’aeroporto di destinazione in America? Troverete le risposte a queste domande, così come molte informazioni utili, nel nostro testo!

Viaggio negli Stati Uniti-Voli aerei

Viaggio negli Stati Uniti-Voli aerei

Quando si tratta di voli diretti per gli Stati Uniti dal nostro paese, gli aeroporti più grandi offrono molte opportunità. Inoltre, una parte significativa dei voli diretti è diretta verso la costa orientale degli Stati Uniti. È possibile volare verso gli aeroporti di Chicago O’Hare, New York – JFK, Newark e Miami.

L’offerta di voli per gli Stati Uniti è leggermente diversa se si considera uno scalo. Questo amplia notevolmente le possibilità, e permette anche di trovare un prezzo molto migliore, a volte con un leggero aumento dei tempi di viaggio. I cosiddetti “voli economici” per gli Stati Uniti (con uno scalo), suscitano l’interesse di un gruppo crescente di viaggiatori appassionati, sono offerti da compagnie aeree come: American Airlines USA, Emirates USA, Brussels Airlines USA o Norwegian USA.

Viaggio negli Stati Uniti-Aeroporti

Viaggio negli Stati Uniti-Aeroporti

Non è difficile indovinare che gli Stati Uniti superano di gran lunga gli altri paesi del mondo in termini di numero di aeroporti. Questo è il paese dove vuoi andare, infatti anno dopo anno attira sempre più turisti. Non sorprende che anche l’aeroporto più grande del mondo si trova negli Stati Uniti. Senza dubbio si tratta dell’aeroporto di Atlanta – Hartsfield-Jackson, dove il numero totale di passeggeri (dati dal 2017) è stato 103 902 922. I grandi aeroporti degli Stati Uniti sono anche i seguenti: Los Angeles, Chicago-O’Hare, Dallas-Fort Worth e New York JFK.

Viaggio negli Stati Uniti-Che tipo di visto serve?

Viaggio negli Stati Uniti-Che tipo di visto serve?

I visti più richiesti per gli Stati Uniti sono i visti di soggiorno temporaneo B-1/B-2. Il primo, il B-1, è destinato alle persone che visitano gli Stati Uniti per motivi di lavoro. Sicuramente sarà adatto ad una persona che intende consultare partner commerciali, partecipare a conferenze (sia commerciali che scientifiche), regolare questioni di proprietà e negoziare contatti. Il visto a tempo B-2 è dedicato a persone il cui viaggio negli Stati Uniti è di natura ricreativa, vale a dire turismo, visite, trattamenti, nonché attività sociali, di servizio o aziendali. I visti B-1 e B-2 sono molto spesso combinati e rilasciati come un solo visto B-1/B-2.

L’articolo 214(b) dell’INA stabilisce che ogni persona che richiede un visto di soggiorno temporaneo B-1/B-2 è un immigrato. Se si sta facendo domanda per questo documento, è quindi necessario dimostrare al funzionario consolare che hai diritto a un visto ai sensi della legge sull’immigrazione e la nazionalità. Per ottenere un visto, dovresti quindi essere in grado di dimostrare che hai intenzione di visitare gli Stati Uniti per un soggiorno temporaneo, non permanente e illegale. Il funzionario consolare deve essere in grado di assicurarsi che si ritorni nel proprio paese d’origine, altrimenti la domanda di visto sarà respinta. È anche importante dimostrare di avere i mezzi finanziari per coprire le spese di un viaggio negli Stati Uniti. Dovresti anche fornire la prova della tua residenza permanente al di fuori degli Stati Uniti e dei tuoi legami familiari, sociali ed economici con il tuo paese di residenza, in modo da garantire che lascerai gli Stati Uniti alla fine del tuo soggiorno.

Visto per gli Stati Uniti - documenti necessari

Visto per gli Stati Uniti – documenti necessari

Quando si richiede un visto di servizio/visto turistico, devono essere presentati i documenti necessari. Uno di questi è il modulo elettronico per la richiesta di un visto per non immigranti (DS-160), necessario durante tutta la procedura. Un altro documento importante è un passaporto con una data di scadenza di almeno sei mesi dalla data di soggiorno prevista negli Stati Uniti. Se state richiedendo un visto, avrete bisogno anche di una fotografia adatta al vostro visto per gli Stati Uniti. Dovrebbe essere di dimensioni 2″ x 2″. (50 mm x 50 mm) ed essere attuali, cioè non più vecchi di sei mesi. Dovreste anche portare con voi la conferma di un colloquio sul sito web (http://ustraveldocs.com/pl_pl/pl-niv-appointmentschedule.asp).

Richiedere un visto passo dopo passo

Richiedere un visto passo dopo passo

Come posso effettivamente richiedere un visto americano, passo dopo passo? In primo luogo, è necessario compilare un modulo elettronico per la richiesta di un visto per non immigranti (DS-160). Il passo successivo è quello di pagare la tassa per il trattamento della domanda del visto. Il pagamento è possibile tramite pagamento online con carta di debito o di credito. Un altro modo è quello di effettuare un bonifico bancario online oppure il richiedente può pagare in contanti presso la banca. C’è anche una terza opzione, che è quella di pagare in contanti alla voce “I miei conti”. Una volta che hai pagato per l’elaborazione della tua domanda, è necessario fissare un appuntamento (tramite il sito web). Durante questa procedura, avrai bisogno di tre informazioni: il numero del passaporto, il numero di conferma del pagamento e il numero di codice a barre di 10 cifre dalla pagina di conferma del modulo DS-160. Il passo successivo è quello di visitare l’Ambasciata/Consolato degli Stati Uniti il giorno e l’ora dell’appuntamento. È importante portare con te: una stampa della conferma dell’appuntamento, una stampa del modulo DS-160, la fotografia del visto e il passaporto attuale (e passaporti precedenti). Senza questi documenti, la tua domanda per il visto non sarà presa in considerazione.

Visto americano – documenti giustificativi

Sulla base della domanda per il visto, e su quella del  colloquio con un consulente, è possibile che la domanda sia accettata o rifiutata. Nella maggior parte dei casi, non sono richiesti documenti aggiuntivi, ma il richiedente può portarli con sé se ritiene che possano essere utili durante l’incontro. Durante il colloquio, il funzionario consolare tiene conto delle intenzioni del richiedente, delle circostanze familiari, nonché dei piani a lungo termine e delle prospettive nel paese di residenza. Ogni caso è esaminato singolarmente, conformemente alla legge. Per la maggior parte delle persone non sono richiesti documenti aggiuntivi, ma in alcuni casi sono necessari. Ad esempio, se il vostro soggiorno negli Stati Uniti è stato prolungato o se il vostro stato di visto è cambiato, è necessario informare il funzionario e fornire tutti i certificati pertinenti. La situazione è diversa  se siete stati arrestati o condannati per qualsiasi reato o crimine. Se l’evento ha avuto luogo al di fuori del nostro paese, è obbligatorio portare una ” istruttoria penale” e una sentenza del tribunale o una decisione del pubblico ministero emessa dalle autorità competenti del paese in cui l’evento ha avuto luogo. Ricordate: tutti i documenti devono essere presentati con la loro traduzione in inglese.

Durante tutto il processo di richiesta di un visto per gli Stati Uniti, deve essere rispettata una regola di base: è vietato presentare documenti falsi. Si prega di notare che la frode o la falsa dichiarazione, indipendentemente dal suo scopo, può comportare il divieto permanente di richiedere un visto, il che significa non visitare gli Stati Uniti. Non c’è bisogno di avere paura per le proprie informazioni personali o riservate, l’intero processo di rilascio del visto è sicuro per loro.

La sanità negli Stati Uniti - certificati necessari

La sanità negli Stati Uniti – certificati necessari.

La situazione è alquanto diversa per quanto riguarda coloro che richiedono un visto che consenta loro di essere curati negli Stati Uniti. Oltre ai documenti di cui sopra e a quelli richiesti dal funzionario consolare, essi sono tenuti a presentare diversi altri certificati. Uno di essi è una lettera con una diagnosi medica da parte dei medici che stanno curando il paziente. Questo dovrebbe includere una descrizione della malattia e il motivo per cui si scelgono gli Stati Uniti come luogo di cura. Avrete anche bisogno di una lettera del vostro medico o fornitore di assistenza sanitaria negli Stati Uniti che certifichi che avete un posto negli Stati Uniti dove sarete ammessi (che dovrebbe includere la durata prevista e il costo del trattamento). Oltre a questi documenti, sarà utile anche una dichiarazione della persona/organizzazione per pagare il trasporto, l’alloggio e le procedure mediche. Questo documento deve essere accompagnato da una prova dell’idoneità finanziaria, ad esempio estratti conto bancari o altre garanzie scritte di reddito o di risparmio. La dichiarazione può includere copie delle dichiarazioni dei redditi certificate conformi all’originale.

Sdoganamento e controllo doganale – come passarlo?

Seguire le norme in vigore in un determinato luogo facilita notevolmente lo svolgimento di vari tipi di procedure e risparmia i nervi inutili, sia da un lato che dall’altro. Non è difficile indovinare che gli aeroporti hanno anche le proprie esigenze, che devono essere soddisfatte per poter salire a bordo di un aereo. Ciò vale non solo per il comportamento appropriato o la presentazione di documenti, ma anche per il bagaglio a mano e il bagaglio registrato. Senza un adeguato controllo, un passeggero non potrà salire a bordo. Quindi vale la pena di “prepararsi” ad esso, in modo da non perdere tempo e calma.

C’è una lista specifica di cose che non si possono portare nel bagaglio. Anche gli Stati Uniti, come uno dei principali paesi mondiali, hanno le proprie regole. Cosa, oltre agli “oggetti vietati” per ogni viaggio, non può essere trasportato durante un viaggio negli Stati Uniti?

Cibo dal proprio paese all'aeroporto statunitense?

Cibo dal proprio paese all’aeroporto statunitense?

Durante il vostro viaggio negli Stati Uniti potrete portare con voi quasi tutti i prodotti alimentari che acquistate nel vostro paese. Ricordate, tuttavia, che devono avere la confezione originale- in modo da evitare problemi durante lo sdoganamento. Durante il trasporto di qualsiasi prodotto, anche se è nell’elenco degli “articoli consentiti”, è necessario contrassegnare, con una crocetta, nel punto corrispondente nella dichiarazione doganale compilata a bordo dell’aereo. Questo vi permetterà di passare attraverso la procedura di sdoganamento senza eccessive difficoltà.

È vietato il trasporto di prodotti animali non lavorati negli Stati Uniti. Tutte le salsicce o salsicce “fatte in casa” devono quindi rimanere in frigorifero. Negli aeroporti degli Stati Uniti ci sono cani appositamente addestrati che rilevano facilmente qualsiasi prodotto animale nel vostro bagaglio. Per quanto riguarda i prodotti a base di carne, solamente con la confezione originale. Potete portare con voi anche cavoli e prodotti simili. È inoltre importante avere un adesivo con il nome del prodotto, che dovrebbe indicare che nella confezione è presente carne lavorata, che può essere conservata anche all’esterno del frigorifero.

La frutta cruda e gli agrumi come mele, ciliegie, banane e arance, nonché verdure come pomodori, cetrioli e carote non possono essere trasportati durante il vostro viaggio negli Stati Uniti. Saranno confiscati anche piantine, fiori, immunizzanti e altre piante “vive”. Quindi NON vale la pena di portare il giardino per un viaggio negli Stati Uniti.

Alcol, sigarette e sigari allo  sdoganamento

Alcol, sigarette e sigari allo  sdoganamento.

Per quanto riguarda l’alcol (vino, bevande alcoliche, birra, ecc.), solo gli adulti possono trasportarlo negli Stati Uniti. Ricordate che secondo la legge statunitense, un adulto deve avere almeno 21 anni (il giorno dell’attraversamento del confine americano), non 18 anni. Secondo le informazioni ufficiali sul sito web del governo, si può trasportare alcol solo per “uso personale” – quantità maggiori di alcol possono essere segnalate ai funzionari doganali e successivamente approvate dalla dogana. I documenti di legge stabiliscono che un massimo di 1 litro di alcol per persona non è soggetto a dazi doganali. Vale anche la pena di sapere che l’alcol acquistato nei negozi duty-free dell’aeroporto è soggetto alle stesse leggi di una bevanda acquistata in qualsiasi altro negozio del vostro paese. Anche l’alcol fatto in casa in quantità appropriate non viene confiscato. Tuttavia, le bottiglie dovrebbero avere adesivi che informino sul tipo di alcol contenuto in esse, scritto in inglese.

Le sigarette sono altri prodotti che molte persone pensano di trasportare. La legge stabilisce chiaramente che possono essere trasportate 200 sigarette dall’Europa agli Stati Uniti. E’ possibile trasportare tabacco sfuso destinato al fumo, ma è necessario tenere conto di quantità ragionevoli di tabacco sfuso (analogamente a quanto avviene per l’alcool). Il numero di sigari che possono essere trasportati è di 100 – ad eccezione di Cuba, che ha ricevuto un embargo sull’esportazione di questo prodotto.

Introduzione di medicinali negli Stati Uniti.

Come apprendiamo dal sito ufficiale, potete portare con voi negli Stati Uniti quasi tutti i medicinali che si possono acquistare in una farmacia europea senza prescrizione medica. Tuttavia, devono essere nella loro confezione originale. Nel documento si può leggere che la quantità di medicinali consentita è “la quantità per uso personale”. Tuttavia, non può superare la quantità richiesta per un periodo superiore a 90 giorni. Per quanto riguarda il tipo di medicinali da banco, è consentito trasportare vari tipi di vitamine e integratori, nonché erbe aromatiche essiccate o in polvere, naturalmente in confezione originale.

La situazione è alquanto diversa per quanto riguarda i medicinali specializzati, ossia i medicinali soggetti a prescrizione medica. Naturalmente è possibile trasportarli negli Stati Uniti, ma sono soggetti ad alcune restrizioni, che dovrebbero essere controllate. Tutti i medicinali specialistici, come gli antibiotici, la morfina e gli psicotropi, vengono venduti solo dietro presentazione di una prescrizione valida. Questo documento è richiesto all’aeroporto, nella sua versione originale o in una copia rilasciata da un medico. La prescrizione deve contenere l’esatta quantità di compresse (dosi) di cui il paziente ha bisogno per visitare gli Stati Uniti. Non sottovalutare questo aspetto – il controllo doganale avviene dopo il ritiro di tutti i bagagli, quindi il tentativo di nascondere i farmaci sarà sicuramente inutile.

Viaggio in America – problemi di salute

Se sei un viaggiatore che parte almeno una volta all’anno, ti renderai certamente conto che devi prepararti adeguatamente per ogni viaggio. Oltre alla valigia, dove ognuno di noi ha tutto ciò di cui ha bisogno per il suo soggiorno all’estero, vale anche la pena di occuparsi di questioni più formali. Quando decidete di visitare gli Stati Uniti, non siete obbligati ad avere un’assicurazione di viaggio, che in alcuni paesi è richiesta. Ciononostante, vale la pena di acquistare un’assicurazione sanitaria. È meglio farlo in una delle note aziende che hanno un ufficio di rappresentanza in America. L’assistenza sanitaria negli Stati Uniti non è considerata la migliore, ma, tuttavia, vale la pena di acquistarla. Senza di essa, in caso di malattia, bisogna fare i conti con costi davvero elevati. Prima di visitare gli Stati Uniti, non è necessario sottoporsi a vaccinazioni aggiuntive.

Viaggiare negli Stati Uniti – informazioni di base.

Gli Stati Uniti sono senza dubbio uno dei paesi più attraenti al mondo. Ogni anno stanno diventando la destinazione di un numero sempre maggiore di viaggiatori. I luoghi di straordinaria attrattiva per i turisti non solo attirano l’attenzione, ma incoraggiano anche a visitare nuovamente gli stati Uniti. Ci sono così tante aree e punti interessanti unici negli Stati Uniti che a volte è davvero difficile decidere da dove iniziare il viaggio. Prima di partire per un giro turistico, dovreste scegliere una delle due soluzioni più popolari per viaggiare, che renderà molto più facile pianificare il vostro viaggio in seguito. La prima è noleggiare un’auto, La seconda sono i voli economici una volta arrivati negli Stati Uniti.

Nel corso del vostro viaggio negli Stati Uniti, se si progetta una visita in luoghi specifici, si dovrebbe prestare attenzione alle previsioni del tempo. Considerando la vastità di questo paese, la differenza di clima è enorme. Così, prima di visitare un luogo particolare, vale la pena informarsi sul clima. Questo renderà molto più facile prepararsi per il viaggio. Ricordate anche che in inverno è molto più facile trovare voli economici per l’America, offerti da varie compagnie aeree.

Che cosa vale la pena visitare negli Stati Uniti? - una breve guida

Che cosa vale la pena visitare negli Stati Uniti? – una breve guida.

Una delle città più famose degli Stati Uniti, molto popolare tra i turisti, è Las Vegas, Nevada. Il luogo attira i viaggiatori con la sua atmosfera misteriosa, il lusso e le performance di gruppi artistici famosi in tutto il mondo.

Che cosa vale la pena visitare negli Stati Uniti? - una breve guida

Un luogo altrettanto popolare, questa volta in Arizona, è il Grand Canyon del Colorado. È senza dubbio l’attrazione naturale più famosa di questo paese. Per molti anni, la vista di questo capolavoro naturale ha deliziato turisti e avventurieri da tutto il mondo.

Che cosa vale la pena visitare negli Stati Uniti? - una breve guida

Il terzo punto che dovrebbe essere incluso nell’elenco di tutti i viaggiatori negli Stati Uniti è Times Square a New York City. È senza dubbio il cuore che non dorme mai della città, costantemente brulicante di vita, dove si possono incontrare anche personaggi famosi.

Se siete interessati alle meraviglie naturali, dovreste sicuramente visitare il Parco Nazionale di Yellowstone. Ci sono centinaia di geyser attivi, vulcani di fango, bellissime cascate, sorgenti calde, montagne, foreste selvagge e laghi cristallini. Il parco ospita anche una grande varietà di specie animali. Yellowstone è innegabilmente uno dei luoghi che deliziano i turisti a prescindere dalla stagione.

Chiunque ami il clima metropolitano, quando parte per gli Stati Uniti, deve necessariamente visitare San Francisco, una città situata nello stato della California. E’ un posto incredibile, pieno di caos, che vive di vita proprio e di cui tutti si innamorano. Ogni anno attira milioni di turisti da tutto il mondo. I punti di riferimento più iconici di San Francisco includono il Golden Gate Bridge, l’isola di Alcatraz e i famosi tram storici.

Un sacco di divertimento negli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti non sono un paese che va solo visitato. È anche necessario trovare il tempo per divertirsi. Gli Stati Uniti hanno una vasta gamma di culture e costumi diversi. Danze paesane, un viaggio in periferia o un party notturno in un grande club sono solo alcune delle tante opportunità per trascorrere del tempo in questo paese. Alcuni turisti del posto decidono anche di fare shopping pazzo in giganteschi centri commerciali, dove si possono trovare prodotti di marca a prezzi più bassi che in Europa. Ricordate, tuttavia, di acquistare solo “per uso personale”, in modo che sulla via del ritorno la merce non venga ritirata.

Un viaggio negli Stati Uniti – ne vale la pena?

Gli Stati Uniti rimangono ancora una destinazione da sogno per i turisti. Grazie alla diversità di questo paese, ognuno troverà qualcosa per se stesso. Non è difficile innamorarsi degli Stati Uniti, motivo per cui una grande percentuale di turisti che hanno visitato il paese, dopo qualche tempo vorrebbe tornare in quelle zone. Un viaggio negli Stati Uniti, anche se costoso, vale assolutamente il prezzo il biglietto. È una vera delizia per gli appassionati di viaggi e per gli amanti dell’avventura. Negli Stati Uniti davvero non ci si può annoiare! Certamente, vale la pena di visitare gli Stati Uniti e rimanerci per qualche tempo per essere in grado di imparare il più possibile sulle diverse culture americane.