Una foto di LinkedIn può avere un effetto sulla tua assumibilità?

Una foto di LinkedIn può farti trovare lavoro

Veniamo tutti guardati, giudicati e classificati, che ci piaccia o no. 

Controlliamo le foto dei profili LinkedIn dei candidati e a volte cadiamo nella trappola di giudicare quanto siano adatti per un lavoro solo in base al loro aspetto.

Non ci credi? Considera questo:

Ben otto intervistati su 10 concordano sul fatto che la foto del profilo LinkedIn di un candidato li aiuta a conoscere meglio la persona, e l’80% crede che sia un importante fattore di posizionamento. 

Quindi, per saperne di più su come le foto del profilo LinkedIn influenzano le possibilità dei professionisti di ottenere un lavoro, abbiamo intervistato più di 200 professionisti delle risorse umane, imprenditori e manager. 

Continua a scorrere per vedere i nostri risultati.

Giudichiamo il libro dalla copertina

Anche se non vogliamo ammetterlo, giudichiamo tutti un libro dalla copertina, e dobbiamo capire come questo influisce sul nostro processo decisionale”. Cindy Corpis, direttrice generale di SearchPeopleFree.

I nostri dati mostrano che l’82% dei professionisti di LinkedIn concorda sul fatto che non dovremmo giudicare un libro dalla copertina. Questo significa che, almeno in teoria, dovrebbero astenersi dal valutare i candidati in base alla loro foto del profilo.

Ma viene fuori che chi cerca lavoro può essere rifiutato per la sua foto del profilo LinkedIn più spesso di quanto si pensi. 

Addirittura il 70% dei nostri intervistati ammette di aver rifiutato un candidato a causa della sua foto del profilo LinkedIn

Senza saperlo, abbiamo pregiudizi

Molte cose possono influenzare il nostro giudizio – c’è un falso pregiudizio di unicità, un errore fondamentale di attribuzione o un pregiudizio di confronto sociale. Ma è l’effetto alone che gioca un ruolo cruciale. Questo preconcetto cognitivo dà a una persona una certa spinta in un’area, basata solo su un giudizio favorevole in un’altra area. 

L’effetto alone fa credere che le persone di bell’aspetto siano anche più adatte alle cariche pubbliche. Uno studio del 2010 mostra che definiamo come dovrebbe apparire un buon politico, e sulla base di questo, stabiliamo un legame tra il loro aspetto e la capacità di governare. 

Che rapporto c’è con le foto del profilo LinkedIn?

Lo stesso effetto alone può accadere quando guardiamo i profili LinkedIn. Anche se sappiamo che questo non dovrebbe accadere, favoriamo i candidati con foto del profilo dall’aspetto attraente, credendo che sia correlato alla loro performance. E allo stesso modo, rifiutiamo altri, ignorando le loro reali competenze.

Il 71% dei reclutatori intervistati ammette di aver rifiutato un candidato a causa della sua foto del profilo LinkedIn almeno una volta, nonostante le qualifiche lavorative adeguate.

I reclutatori su Linkedin si contraddicono

Quasi 4 su 10 (38%) lo fanno regolarmente. 

Significa che i reclutatori sono colpiti dall’effetto alone ogni volta che rifiutano un candidato? Certamente no, ma può giocare il suo ruolo. 

Inconsciamente, possiamo pensare che alcuni candidati siano più adatti per un lavoro grazie al loro aspetto, proprio come l’appena menzionato studio del 2010 ha dimostrato con l’esempio del politico.

Una prima impressione può farti trovare lavoro

O, almeno, aumentare le tue possibilità di ottenerlo. 

Alex Shute, il fondatore di FaithGiant, ammette: “A volte mi faccio un’opinione su una certa persona in base alla sua foto del profilo LinkedIn, perché è l’unica immagine che la rappresenta veramente. Tutto si riduce al potere della prima impressione”.

Cosa pensano i reclutatori delle foto di LinkedIn

Ecco cosa mostra il nostro studio:

  • Il 95% crede che un profilo LinkedIn oggi abbia la stessa funzione di un biglietto da visita.
  • Un altro 96% degli intervistati crede che una foto professionale del profilo LinkedIn ispiri fiducia.
  • L’80% afferma che la foto del profilo di un candidato li aiuta a conoscere meglio la persona.

Il risultato? La prima impressione è importante e può aiutarti a ottenere un colloquio o a non essere scelto.

Nonostante sappiamo che è sbagliato, continuiamo a farlo

Come accennato sopra, l’82% dei reclutatori intervistati concorda sul fatto che non dovremmo giudicare un libro dalla copertina

Detto questo, più di sette reclutatori su 10 ammettono di aver rifiutato un candidato per la sua foto del profilo LinkedIn, nonostante avesse qualifiche adeguate. 

Questi dati sono autocontraddittori, ma abbiamo deciso di indagare ulteriormente e scoprire fino a che punto le persone sono d’accordo con la seguente affermazione: “I candidati dovrebbero essere giudicati solo per le loro competenze“. 

I risultati sono stati i seguenti:

  • Il 78% dei reclutatori di LinkedIn intervistati in parte sono d’accordo che i candidati dovrebbero essere giudicati solo per le loro competenze. 

Come per l’esempio della copertina del libro, abbiamo deciso di dare un’occhiata più da vicino alle persone che hanno ammesso di rifiutare i candidati a causa della loro foto del profilo per capire meglio il loro punto di vista. 

Si è scoperto che il 61% delle persone che rifiutano i candidati a causa del loro aspetto crede anche che i candidati dovrebbero essere giudicati solo per le loro competenze. L’esempio della copertina del libro è probabilmente troppo generale per essere applicato al reclutamento su LinkedIn in generale, ma questi dati si concentrano specificamente su questo aspetto.

È solo perché giudichiamo le persone dal loro aspetto, o ci sono altri fattori coinvolti? L’istruzione e l’esperienza sono le uniche conoscenze per capire quanto sia prezioso e dedicato il potenziale candidato? 
Per capire meglio, le parole di Ravi Davda, il direttore generale di Rockstar Marketing, potrebbero aiutare: “Ignoro qualsiasi profilo che non ne abbia una [di foto]. Se non hanno impiegato 5 minuti per mettere una foto al profilo, non posso prenderli sul serio”.

Chi controlla il curriculum e chi controlla la foto?

La nostra indagine ha esaminato tre gruppi responsabili del reclutamento:

  • Professionisti delle risorse umane 
  • Manager
  • Proprietari d’azienda

Abbiamo chiesto loro se una foto del profilo LinkedIn sarebbe il fattore decisivo se avessero due candidati simili.

Chi controlla il curriculum e chi controlla la foto
Chi controlla il curric

È interessante notare che i proprietari di aziende sembrano favorire i candidati con immagini di profilo LinkedIn più belle. Per oltre il 90% di loro, la foto del profilo LinkedIn è un importante fattore di posizionamento. I manager sono leggermente indietro al 60%, e i professionisti delle risorse umane sono arrivati al 50%. 

A seguire, abbiamo chiesto agli intervistati quanto è probabile che trascurino i candidati senza una foto del profilo LinkedIn. Ecco le risposte:

  • Proprietari d’azienda: 88%
  • Manager: 74%
  • Professionisti delle risorse umane: 33 %

Per riassumere, ecco quello che Josh Wright, il direttore generale di CellPhoneDeal, ha da dire: “Nella mia esperienza, l’assunzione di un individuo con un profilo completamente impostato su LinkedIn ha dimostrato di avere più successo rispetto all’assunzione di individui che non hanno fatto questo sforzo, in quanto quelli con un buon profilo sembrano essere molto più produttivi”

Vale la pena mostrare la tua personalità?

Vogliamo lavorare con persone che la pensano come noi, sia in termini di pensiero che di modo di fare affari. In psicologia sociale, si chiama favoritismo del gruppo. 

Inoltre, vogliamo lavorare con persone che ci piacciono.

Quali sono le caratteristiche di una buona foto di LinkedIn

Così, abbiamo voluto esaminare quanto sia importante l’aspetto della simpatia per i reclutatori. Si è scoperto che il 67% dei reclutatori considera vitale la sensazione soggettiva di somiglianza.

Ma non sono solo le emozioni positive che i reclutatori trovano importanti durante lo controllo dei candidati. Ciò che gioca un ruolo altrettanto importante è l’autenticità. 

Una recente ricerca mostra che l’autenticità è tra gli attributi essenziali di una foto di profilo. Nel nostro studio, il 65% degli intervistati ha sottolineato che l’autenticità è fondamentale, e la mancanza di personalità è al quarto posto tra gli errori più comuni nelle foto del profilo.

Ma è la professionalità a farla da padrone. Oltre l’87% dei nostri intervistati ha indicato che la professionalità dell’immagine è essenziale quando si valutano le foto del profilo.

E, naturalmente, la qualità. Tutti i fattori di cui sopra possono non rivelarsi affascinanti se la foto è pixelata, manca di un’illuminazione adeguata o è stata semplicemente scattata male. 

Una foto delle vacanze potrebbe costarti un lavoro

Sappiamo già che i reclutatori guardano le foto del profilo LinkedIn. La domanda è: come ottimizzarla in modo che ti notino?

Foto profilo di LinkedIn: campanelli d’allarme

Per prima cosa, guardiamo i campanelli d’allarme:

  • Mancanza di una faccia completamente visibile: 75%
  • Una foto a bassa risoluzione: 67%
  • Una foto delle vacanze: 49% 
  • Un’immagine non autentica: 38%
  • Usare una foto in cui appaiono altre persone invece di una personale: 28%
  • Casualità eccessiva: 23% 
  • Mancanza di un sorriso: 15%

Mostrare la propria personalità è importante, ma mostrarla con le proprie attività del tempo libero non è il modo giusto per farlo. Le foto delle vacanze potrebbero non essere ben accolte. A meno che, naturalmente, non ti stai candidando per un lavoro legato all’attività (ad esempio, bagnino).

Come ottimizzare la tua foto profilo di LinkedIn per il migliore impatto

Dunque, come migliorare l’immagine del tuo profilo LinkedIn? 

  • Migliorare la qualità: 77% 
  • Usare una foto professionale: 44%
  • Assumere un fotografo professionista: 39%
  • Mantenere una posa carismatica: 31%
  • Mantenere una postura seria: 11%

Inoltre, ecco cosa consiglia Mario Perez, fotografo professionista e fondatore del Blog del Fotografo: “Consiglio sempre di cercare di indossare un tipo di abbigliamento che corrisponda allo stile e alla cultura del settore e al tipo di lavoro che il candidato sta cercando”

È più facile trovare lavoro se si è attraenti?

Poiché nella maggior parte dei casi si tratta di una rapida occhiata a un’immagine, è l’aspetto che può influenzare il giudizio dei reclutatori.

Quindi, significa che alcuni di noi sono condannati?

Fortunatamente no. Innanzitutto, secondo il nostro sondaggio, non è l’aspetto che i reclutatori cercano. È la qualità complessiva e la professionalità della fotografia che conta.

La professionalità di una foto del profilo LinkedIn è considerata un importante fattore di posizionamento da oltre il 60% degli intervistati. Professionalità qui significa una foto della testa scattata con uno sfondo neutro.

A cosa prestano attenzione i reclutatori su LinkedIn

Begli occhi non hanno alcuna speranza contro capacità vere e proprie

La buona notizia è che secondo il nostro studio, le competenze sono ancora il fattore più critico per i reclutatori di LinkedIn. 

Il 70% di loro preferisce i candidati con un curriculum forte rispetto a qualcuno con una bella foto del profilo LinkedIn.

Ma avere una foto del profilo LinkedIn ha un altro vantaggio: significa che il tuo profilo è attivo e non è falso.

Stefan Smulders, il direttore generale di Expandi, lo spiega in due frasi potenti: “La maggior parte dei profili che non hanno una foto del profilo sono falsi o sospetti, quindi per evitare qualsiasi problema futuro, non li prendo in considerazione. Ma anche se sono veri candidati, il fatto che non sono disposti a mostrare il loro volto in questo particolare contesto è sufficiente per me per ignorarli completamente”.

È meglio mostrare una foto sul profilo LinkedIn

Avere un profilo LinkedIn completamente impostato non solo aumenta le vostre possibilità di apparire nella ricerca, ma vi aiuta anche a fare una migliore prima impressione.

Il nostro studio mostra che una foto del profilo potrebbe fare la differenza tra essere contattati o essere trascurati.

Tuttavia, una foto di profilo professionale da sola non basta. Deve essere adattata alla nicchia. 
Molte persone sono preoccupate per la potenziale discriminazione razziale, etica o sessuale che può avvenire se attacchiamo un volto ai nostri profili. In questo caso, le parole di Chloe Chioy, responsabile delle selezioni ed esperta di CV presso CVGenius.com, offrono un po’ di sollievo: “Abbiate sempre una foto professionale su LinkedIn. Se credete che un’azienda possa astenersi dall’assumervi a causa di razzismo, ageismo o sessismo, quell’azienda non fa per voi”.

Risultati chiave

  • Qualità e professionalità sono tra i fattori più critici per i reclutatori di LinkedIn quando prendono in considerazione i candidati. I reclutatori usano LinkedIn per avere una prima impressione dei candidati e spesso associano la qualità dei profili alle loro prestazioni. È bene mostrare un po’ di personalità.
  • Il 71% dei reclutatori ammette di aver rifiutato un candidato a causa della foto del suo profilo LinkedIn almeno una volta.
  • L’80% dei selezionatori di LinkedIn crede di poter conoscere meglio i candidati attraverso le foto del profilo.
  • Il 61% delle persone che rifiutano i profili per la loro foto profilo crede anche che i candidati dovrebbero essere giudicati solo per le loro competenze.
  • L’88% degli imprenditori ammette che è probabile che scarti un profilo senza una foto.
  • L’87% dei reclutatori di LinkedIn considera la professionalità di una foto del profilo un fattore critico di posizionamento.
  • Il 70% dei reclutatori di LinkedIn preferisce i candidati con un curriculum forte rispetto a qualcuno con una bella foto del profilo LinkedIn.

Metodologia

Abbiamo contattato proprietari di aziende, professionisti delle risorse umane e manager per condurre questo sondaggio e abbiamo raccolto quasi 200 risposte.

Dichiarazione di uso corretto

Questo studio mira a diffondere la consapevolezza degli effetti delle foto del profilo LinkedIn (o della loro mancanza) sulla possibilità di assunzione delle persone in cerca di lavoro. L’abbiamo fatto a beneficio di candidati, reclutatori e altri gruppi interessati all’argomento. 

Se credi che i nostri risultati ti abbiano aiutato, o li trovi interessanti e vuoi condividerli, sentiti libero di farlo. Ma per favore ricordati di citare la fonte e il link a questo studio.

Ringraziamenti speciali

Non saremmo stati in grado di scrivere questo pezzo senza l’aiuto e la dedizione di molti professionisti che hanno condiviso con noi le loro conoscenze. 

A causa dell’alto numero di risposte, non abbiamo potuto includere tutti, ma vorremmo esprimere la nostra gratitudine alle persone che hanno reso possibile questa ricerca. 

Grazie. 

Un ulteriore ringraziamento a Nataly Kharkina di Greenbabyworld e Maataaf Khan di Indolj per aver risposto alle nostre domande e averci supportato attivamente. 

Fonti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.