Passaporto Italiano: Richiesta e Rinnovo [Tutorial]

Se stai cercando un tutorial che ti guidi nella procedura di richiesta e rinnovo del passaporto elettronico, sei capitato nel posto giusto! Ti spiegheremo nei dettagli la documentazione di cui hai bisogno, il giusto formato della fototessera da allegare al modulo di richiesta del passaporto, il costo e i tempi di rilascio del passaporto, la procedura da seguire in caso di smarrimento di tale documento d’identità. Se sei un cittadino italiano residente all’estero, ti spiegheremo anche come fare il passaporto italiano all’estero presso il consolato italiano del tuo paese di residenza.

Se vuoi solo sapere come creare la perfetta fototessera online, vai direttamente al paragrafo dedicato alla migliore app per fare foto per il passaporto online, che prepara una foto professionale per te nel giro di qualche secondo!

Presentazione generale del passaporto italiano (chi può fare la richiesta di ottenimento)

Il passaporto italiano è un documento di identità, richiesto in Italia per legge, rilasciato ai cittadini italiani e necessario per viaggiare all’estero. Il passaporto italiano utilizza lo stile standard dell’Unione Europea. Il colore è rosso bordeaux, con lo stemma della Repubblica Italiana al centro della copertina, la scritta “UNIONE EUROPEA” e subito sotto “REPUBBLICA ITALIANA” sopra lo stemma e, infine, la scritta “PASSAPORTO” in basso. All’interno del passaporto biometrico compare anche il simbolo biometrico all’estremità inferiore.

Il passaporto è rilasciato ai cittadini italiani e per i maggiorenni ha durata decennale. Alla scadenza della validità, riportata all’interno del documento, non si rinnova ma si deve richiedere l’emissione di un nuovo passaporto. In aderenza alla vigente normativa europea, dal 20 maggio 2010 viene rilasciato ai cittadini, da tutte le Questure in Italia ed all’estero dalle rappresentanze diplomatiche e consolari, un passaporto elettronico costituito da un libretto di 48 pagine a modello unificato. Tale libretto cartaceo è dotato di un microchip in copertina, ecco perchè elettronico, che contiene le informazioni relative ai dati anagrafici, la foto e le impronte digitali del titolare. Inoltre, è presente, alla pagina 2 del libretto, la firma digitalizzata, fatta eccezione per le sotto elencate categorie:

-Minori di 12 anni;
-Analfabeti (il cui stato sia documentato da un atto di notorietà);
-Coloro che presentano una impossibilità fisica accertata e documentata che impedisce l’apposizione della firma.

In questi casi al posto della firma ci sarà la dicitura “esente”, scritta anche in lingua inglese e francese. Per i minori, oltre ai cambiamenti già intervenuti, è ora previsto che siano tutti dotati di un passaporto individuale. Pertanto non è più possibile richiedere l’iscrizione del figlio minore sul passaporto del genitore. Per i minori la procedura prevede che vengano acquisite le impronte dal compimento dei 12 anni di età.

Il rilascio del passaporto può essere richiesto da un qualsiasi cittadino italiano in ogni momento, quando la documentazione raccolta è completa e conforme ai requisiti previsti dalla legge. Il rilascio del passaporto deve essere richiesto su apposito modulo.

Come e dove presentare la richiesta per il passaporto italiano:

Il rilascio del passaporto, effettuato dal Ministro degli Affari Esteri o, per mezzo di delega, dal questore, è regolato dalla legge. La domanda per il rilascio del passaporto può essere presentata presso:

  • la questura;
  • l’Ufficio passaporti del Commissariato di Pubblica Sicurezza;
  • la stazione dei Carabinieri;
  • il Consolato.

Contro il diniego del passaporto l’interessato può fare ricorso giurisdizionale amministrativo al Tribunale Amministrativo Regionale o, in alternativa, ricorso straordinario al Presidente della Repubblica. Per i viaggi all’interno dell’Unione europea, e di alcuni Stati con cui esistono specifici accordi (come la Norvegia, che ha aderito agli Accordi Schengen), è sufficiente la carta d’identità. Il rilascio del passaporto può essere inibito per particolari ragioni (giustizia, ordine pubblico ovvero tutela dei minori), a chi si trova in particolari condizioni personali; può, invece, non essere rilasciato a chi è destinatario di misure cautelari personali coercitive o può essere disposta la sospensione, da parte della questura territorialmente competente, per minimo un mese e massimo un anno, del passaporto e di altro documento equipollente valido per l’espatrio, ai soggetti che fanno uso illecito strettamente personale di sostanze stupefacenti.

Consultando il sito di Agenda Passaporto della Polizia di Stato è possibile richiedere il passaporto online e prenotare ora, data e luogo per presentare la domanda, evitando le lunghe attese negli uffici di polizia. La domanda per il rilascio può essere presentata presso gli uffici del luogo di residenza o di domicilio o di dimora secondo quanto disposto dalla legge.

Chi intende richiedere il passaporto presso il luogo di domicilio e non presso quello di residenza, deve tenere presente che per effettuare correttamente i controlli previsti dalla legge ci sono alcune condizioni e, in particolare, la dimostrazione del domicilio o dimora in comune diverso da quello di residenza e le ragioni che giustificano il motivo per cui non ci si reca alla Questura di residenza per richiedere il passaporto. Soprattutto, va considerato che si allungheranno i tempi di rilascio poiché lo stesso sarà subordinato al nulla osta al rilascio che dovrà essere richiesto alla Questura di residenza.

La documentazione da presentare

  • Il modulo stampato della richiesta passaporto
  • Un documento di identità valido (n.b. portare con sé, oltre all’originale, anche un fotocopia del documento)
  • 2 foto formato tessera identiche e recenti (chi indossa occhiali da vista può tenerli purché le lenti siano non colorate e la montatura non alteri la fisionomia del volto, inoltre ricorda che lo sfondo della foto deve essere bianco)
  • La ricevuta del pagamento di € 42,50 per il passaporto ordinario. Il versamento va effettuato esclusivamente presso gli uffici postali di Poste Italiane mediante bollettino. Il bollettino postale dovrà riportare nello spazio “eseguito da” i dati dell’intestatario del passaporto, anche se minore, e nella causale dovrà essere scritta la dicitura “importo per il rilascio del passaporto elettronico“; non saranno accettati bollettini in bianco, bonifici, giroconti ed altre tipologie di versamenti.
  • Un contrassegno amministrativo da € 73,50; ricorda che va acquistato per il rilascio del passaporto ordinario, anche per quello dei minori
  • Se si ha già un passaporto e se ne richiede uno nuovo, deve essere consegnato il vecchio documento; in caso di richiesta di nuovo passaporto per smarrimento o furto deve essere presentata la relativa denuncia
  • Portare con sé anche la stampa della ricevuta che viene inviata dal sistema dopo la registrazione al sito Agenda passaporto
  • Nel caso in cui il richiedente abbia figli minori di anni 18, atto di assensoal rilascio da parte dell’altro genitore, a prescindere dallo stato civile del richiedente (celibe/nubile, coniugato, separato o divorziato.

Passaporto per minori: ecco come richiederlo

Ora che abbiamo visto come rinnovare e richiedere un passaporto, come si può ottenere un passaporto per minorenni? Continua a leggere per scoprire di più! Il processo è un po’ più complicato rispetto alla normale domanda di passaporto, ma con i nostri consigli risulterà facilissimo! Per prima cosa, affinché il minore possa ricevere il passaporto, deve avere il consenso di entrambi i genitori e deve inoltre avere la cittadinanza italiana.

Prima per viaggiare bastava che il nome del minore comparisse nel passaporto dei genitori, ora invece anche i minorenni devono avere un passaporto individuale.

I passaporti per i minori hanno due validità diverse in base all’età, in modo tale da garantire la sicurezza del minore e l’aggiornamento della fototessera:

  1. Tra 0-3 anni – validità di 3 anni
  2. Tra 3-18 anni – validità di 5 anni

I documenti che servono per questo tipo di passaporto sono i seguenti:

  • Il modulo della richiesta di passaporto per minorenni stampato, a nome del minore e firmato da entrambi i genitori;
  • Un documento di riconoscimento valido e originale del minore (oltre al documento originale portare anche una fotocopia). Se non si ha un documento di riconoscimento, il genitore può scrivere in un’autocertificazione che il minore è suo figlio;
  • 2 fototessere identiche e recenti. Attenzione: il richiedente (anche se minorenne) deve essere presente durante la legalizzazione della fototessera. In questo modo, si può verificare che la foto ritragga effettivamente il richiedente;
  • Un contributo amministrativo da € 73,50 sotto forma di valore bollato;
  • La ricevuta di pagamento con conto corrente di € 42,50 per il passaporto ordinario. Il versamento deve essere fatto a nome del minore, e va effettuato esclusivamente negli uffici postali di Poste Italiane mediante bollettino di conto corrente n. 67422808 intestato al “Ministero dell’Economia e delle Finanze”;
  • La stampa della ricevuta che viene inviata dal sistema dopo la registrazione al sito Agenda Passaporto.

Passaporto per minoriPer ottenere un passaporto vengono prese la firma e le impronte digitali (presso un ufficio di polizia), ma questo passaggio non è richiesto per i minori di 12 anni.

Durante la presentazione dei documenti entrambi i genitori devono essere presenti in Questura e devono firmare davanti al Pubblico Ufficiale l’assenso per il passaporto del figlio minorenne.

  • Se non si ha l’assenso di uno dei genitori si deve avere un nulla osta del Giudice tutelare;
  • Se uno dei genitori non può presentarsi, il richiedente può portare una fotocopia del documento del genitore assente firmato in originale più una dichiarazione di assenso all’espatrio del figlio (sempre firmata in originale);
  • Se uno dei genitori è extracomunitario la dichiarazione di assenso deve essere vidimata
    dall’Ambasciata dello Stato di appartenenza
    .

Per rinnovare il passaporto scaduto del minore bisogna ripetere la procedura descritta poco fa.

Requisiti per l’espatrio del minore

Requisiti per l'espatrio del minore

Fino ai 14 anni

I minori di 14 anni possono espatriare solo nei seguenti casi:

  1. Se sono accompagnati da almeno un genitore o da chi ne fa le veci;
  2. Se sono accompagnati da almeno un genitore, il cui nome è riportato nel passaporto del minore.Se il nome del genitore non è riportato nel passaporto del minore, il genitore deve dimostrare il rapporto di parentela attraverso es. l’esibizione dello stato di famiglia o dell’estratto di nascita del minore.Gli esercenti la potestà genitoriale devono avere con loro una documentazione della nomina a tutore o dell’atto di affido;
  3. Se l’accompagnatore ha con sé la dichiarazione di accompagno;
  4. Se è affidato a un ente o compagnia di trasporto, con una dichiarazione di accompagno da parte dei genitori o degli esercenti la potestà genitoriale. Prima di acquistare il biglietto della compagnia di trasporto è bene verificare che questa accetti che le venga affidato il minore.

Dai 14 anni in su

Dopo aver compiuto 14 anni si può viaggiare senza accompagnatore nell’Unione Europea e anche al di fuori. Tuttavia, alcune compagnie aeree o di navigazione richiedono comunque un documento di accompagnamento per un loro regolamento interno (anche se non è previsto dalla Legge Italiana). Prima di acquistare il biglietto è quindi sempre consigliato leggere attentamente le condizioni di contratto per evitare problemi all’imbarco.

Approfondimento sulla dichiarazione di accompagnamento

La dichiarazione di accompagnamento viene richiesta in questura o in commissariato anticipatamente al viaggio. Deve essere sottoscritta dai genitori o dal tutore dei minori di 14 anni che viaggiano non accompagnati e che vogliono concedere ad una persona fisica o alla società di trasporto l’autorizzazione di accompagnamento.

Mentre si compila il modulo di richiesta si possono scegliere due modalità diverse della dichiarazione:

  1. Il rilascio di una dichiarazione cartacea. In questo caso la questura rilascerà l’attestazione della dichiarazione, che poi verrà presentata alla frontiera dall’accompagnatore insieme al passaporto del minore.Se il minore viene affidato a un ente o compagnia di trasporto, verrà rilasciato solo questo tipo di dichiarazione cartacea;
  2. la menzione stampata direttamente sul passaporto del minore. In questo caso invece, la questura provvederà a stampare la menzione sul passaporto del minore.

Sia nella dichiarazione di accompagno che nella menzione sul passaporto deve essere riportato il nome della persona o dell’ente a cui viene affidato il minore. È sempre meglio se, insieme alla dichiarazione di accompagno, si porta in questura anche una fotocopia del documento d’identità dell’accompagnatore. Il documento deve essere firmato.

La dichiarazione di accompagnamento viene rilasciata solo nei casi in cui:

  1. Il minore viaggia al di fuori dei confini nazionali;
  2. L’accompagnatore è una persona diversa dall’esercente la responsabilità genitoriale (madre o padre) o dal tutore.

La dichiarazione è valida solo per un viaggio (inteso come andata e/o ritorno) fuori dal paese di residenza del minore di 14 anni. Ci sono solo alcune eccezioni:

  • Il tempo di validità massima della dichiarazione è di 6 mesi (o maggiore se la richiesta è motivata). Entro questi 6 mesi devono essere comprese le date di partenza e di rientro.
  • La validità della dichiarazione non può andare oltre la data di scadenza del passaporto;
  • Se il viaggio prevede l’attraversamento di più Stati, gli esercenti la responsabilità genitoriale o i tutori devono valutare in base alle modalità del viaggio se indicare il paese di destinazione o anche tutti quelli visitati.

Lasciapassare per i minori

Lasciapassare per i minori di 15 anni

Fino ai 15 anni si può richiedere il lasciapassare, un documento vidimato dal Questore del luogo che attesta la nascita e cittadinanza del minore. Questo documento è valido per l’espatrio.
Il lasciapassare ha una validità massima di 12 mesi.

Alla presentazione della domanda deve essere presente il minore. La domanda del lasciapassare è disponibile presso la Questura, il Commissariato di Pubblica Sicurezza o la stazione dei Carabinieri, e può essere consegnata in questi stessi uffici.

Alla domanda del lasciapassare devono essere allegati i seguenti documenti:

  • L’assenso di entrambi i genitori (o il nulla osta del Giudice Tutelare se non si ha il consenso di uno dei genitori).Se uno dei genitori non può essere presente per la dichiarazione, il genitore o tutore richiedente può allegare alla domanda una fotocopia del documento firmato del coniuge insieme all’assenso per il rilascio del lasciapassare del figlio firmato in originale.
  • Il certificato di nascita con le generalità dei genitori e la cittadinanza italiana del minore.
  • Due fototessere uguali e recenti.

ATTENZIONE: Quando si utilizza un lasciapassare invece del solito passaporto o documento d’identità valido per l’espatrio è possibile che le autorità del paese di destinazione potrebbero non riconoscere la validità del documento ai fini dell’ingresso nel loro stato.

Ci sono alcuni paesi che accettano il documento come valido per l’ingresso e altri che non lo ritengono valido, come gli esempi seguenti:

  • Il documento è sicuramente valido per l’ingresso in Austria, Cipro, Croazia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Norvegia, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera e in Turchia;
  • Il documento non viene ritenuto valido per l’ingresso in Bosnia-Erzegovina, Estonia, Islanda, Marocco, Mauritius, Repubblica di Macedonia, Repubblica Slovacca e in Ungheria.

La disponibilità da parte di altri Paesi di accettare l’ingresso nei loro territori con il lasciapassare è ancora da stabilire. Trova più informazioni sull’argomento in questa pagina.

È importante ricordarsi che lo stato di destinazione deve essere indicato sul lasciapassare.

Quando e come fare il rinnovo del passaporto

Quando rinnovare il passaporto?

La validità temporale del passaporto dipende dall’età del titolare:

  • per i minori di 3 anni la validità è di 3 anni;
  • per i minori dai 3 ai 18 anni la validità è di 5 anni;
  • per i maggiorenni la validità è di 10 anni.

rinnovo del passaporto di minori

Soprattutto, per quanto riguarda i minori, è bene controllare periodicamente la scadenza del passaporto, in quanto ha una validità più breve rispetto al passaporto per maggiorenni; è comunque consigliabile farlo in entrambi i casi, così da evitare spiacevoli sorprese a pochi giorni da un viaggio programmato da mesi.

Come rinnovare il passaporto?

Se pensate di poter impiegare meno tempo per rinnovare il vostro passaporto scaduto o di poterlo fare comodamente da casa senza dovervi spostare, ci dispiace deludervi ma, come abbiamo già spiegato nel primo paragrafo, alla scadenza della validità riportata all’interno del documento, questo non si rinnova ma si deve richiedere l’emissione di un nuovo passaporto.Quindi la procedura prevista per il rinnovo di un passaporto scaduto e l’emissione è esattamente la stessa.

In alcuni paesi la procedura di rinnovo di un passaporto scaduto è spesso diversa e semplificata rispetto alla procedura di emissione di un passaporto nuovo, ma questo non è il nostro caso.

rinnovo di un passaporto scaduto

Tuttavia bisogna anche considerare l’aspetto positivo: non dovrete preoccuparvi di seguire una procedura diversa, dovete solo attenervi alle istruzioni fornite nel paragrafo precedente: i documenti per il rinnovo del passaporto sono esattamente gli stessi, così come i moduli per la richiesta del passaporto e i posti in cui dovrete recarvi per richiedere l’emissione del documento (potete richiedere un appuntamento online sul sito della Polizia di Stato).
Ricordatevi inoltre di selezionare il modulo corretto, tra il modulo di richiesta passaporto minorenni e il modulo richiesta passaporto maggiorenni.

Richiesta/rinnovo del passaporto italiano all’estero

E se sei un cittadino italiano residente all’estero? Come puoi richiedere o rinnovare il passaporto italiano all’estero? La procedura per la richiesta del passaporto italiano all’estero è più semplice di quanto tu possa immaginare e differisce ben di poco dalla normale procedura, descritta precedentemente ai paragrafi 2 (“Come e dove presentare la domanda per il passaporto italiano“) e 4 (“Quando e come fare il rinnovo del passaporto“).

Dove fare il passaporto

come fare il passaporto

Il passaporto italiano rimane anche all’estero un documento di viaggio e di riconoscimento, e viene rilasciato dalle rappresentanze diplomatico-consolari italiane (consolati) dello stato in cui il cittadino italiano vive. Come avviene in Italia, la domanda di rilascio del passaporto va presentata all’Ufficio competente territorialmente in base alla residenza del richiedente. Pertanto, dovrai contattare l’Ufficio Passaporti del Consolato Italiano in cui sei residente. Vuoi cercare l’Ufficio consolare italiano più vicino al luogo in cui ti trovi? Dai un’occhiata alla rete diplomatica italiana all’estero. Tuttavia, come in Italia, i cittadini italiani possono richiedere il rilascio del passaporto presso un qualsiasi Ufficio emittente, ma in tal caso deve essere acquisita preventivamente la delega da parte dell’Ufficio (Questura o Consolato) competente per residenza. Ciò potrebbe inevitabilmente allungare i tempi di rilascio del passaporto.

Tempi di rilascio del passaporto italiano all’estero

tempi di rilascio del passaporto

Le tempistiche di rilascio del passaporto italiano all’estero possono variare in funzione di alcuni aspetti.

  • Le tempistiche per il passaporto saranno brevi (qualche settimana) se sei un cittadino italiano regolarmente iscritto all’AIRE (Anagrafe Italiani residenti all’estero), risiedi nella stessa circoscrizione consolare dove richiedi il passaporto o hai ottenuto dallo stesso consolato il passaporto precedente.
  • Le tempistiche per il passaporto si allungheranno (qualche mese) se sei un cittadino italiano regolarmente iscritto all’AIRE ma hai ottenuto il passaporto precedente da un’altra autorità (questura o consolato) o risiedi in una diversa circoscrizione consolare. In questi casi, occorrerà chiedere il nulla osta all’ufficio che ha rilasciato il precedente passaporto o al consolato italiano di residenza.

Alla luce di quanto detto, esiste, quindi, la possibilità, in quanto cittadino italiano iscritto all’AIRE, di richiedere il passaporto in Italia presso una questura italiana, pur avendo la residenza all’estero. La questura italiana dovrà chiedere il nulla osta al consolato di residenza (il paese in cui si è iscritti all’AIRE). In alcune situazioni, a seconda delle tue esigenze, la soluzione di richiesta di passaporto in Italia può risultare più rapida e semplice che non fare il passaporto all’estero.

In ogni caso, per ulteriori informazioni, contatta l’Ufficio consolare italiano più vicino al luogo in cui ti trovi per avere informazioni più precise sui tempi di rilascio del passaporto.

Come richiedere/rinnovare il passaporto all’estero

Documentazione

La procedura per la richiesta/rinnovo del passaporto all’estero è simile alla normale procedura italiana descritta in precedenza. Ricapitoliamo i documenti richiesti:

  • modulo di richiesta passaporto (da scaricare/ritirare presso il consolato);
  • documento di riconoscimento;
  • eventuale passaporto scaduto o in scadenza per permetterne l’annullamento/il ritiro;
  • 2 fototessere recenti e uguali;
  • permesso di soggiorno (o un certificato che attesti l’effettivo domicilio nella circoscrizione consolare di appartenenza);
  • in caso di figli minorenni, l’atto di assenso al rilascio da parte dell’altro genitore;
  • nel caso in cui il richiedente sia un minore di anni 18, l’atto di assenso di entrambi i genitori e l’eventuale dichiarazione di accompagnamento unicamente per i minori di 14 anni.

Per ulteriori informazioni circa la richiesta di passaporto per minorenni, si consiglia di leggere il nostro paragrafo dedicato in quest’articolo e di visitare la seguente pagina del Ministero degli Affari Esteri.

Ricorda che ogni consolato ha requisiti specifici circa la documentazione da presentare (es. eventuale fotocopia del documento d’identità da presentare, diverse dimensioni della fototessera, ecc.), pertanto è bene contattare sempre l’Ufficio consolare italiano di riferimento per assicurarti di avere con te tutti i documenti necessari per il passaporto.

Costo del passaporto

Oltre a presentare la documentazione necessaria, dovrai effettuare il pagamento. Quanto costa fare il passaporto all’estero? Dovrai versare € 42,50 per il libretto e il contributo amministrativo di € 73,50. Ricorda che dal 24 giugno 2014, ai sensi dell’articolo 5-bis del DL n. 66/2014, non è più dovuto il pagamento della tassa di rilascio e, per gli anni successivi al primo, della tassa annuale governativa nel caso di utilizzo del passaporto per viaggi in Paesi che non fanno parte dell’Unione Europea. Sulla base di quanto previsto dalla Tariffa consolare, all’estero tale modifica è entrata in vigore l’8 luglio 2014. A seconda del paese e del consolato italiano, possono essere applicate ulteriori spese accessorie. Ti consigliamo di visitare il sito del tuo consolato per verificare i costi e le modalità di pagamento per la richiesta del tuo passaporto.

Infine, dovrai recarti in consolato per la rilevazione delle impronte digitali e l’apposizione della firma digitale. La validità del passaporto non cambia ed è la stessa di quella del passaporto rilasciato in Italia, per cui:

  • 3 anni per i minori di 3 anni;
  • 5 anni per i minori dai 3 ai 18 anni;
  • 10 anni per i maggiorenni.

Quanto detto finora si applica al passaporto ordinario. Ricorda che NON puoi richiedere il passaporto collettivo all’estero.

smarrimento del passaporto

Furto/smarrimento del passaporto italiano all’estero

Hai smarrito il tuo passaporto all’estero e non sai cosa fare? Esistono due opzioni a seconda del contesto dello smarrimento:

  1. se ti ritrovi in una situazione di grave emergenza (es. un turista in transito che subisce il furto del passaporto), l’Ufficio consolare italiano può emettere sul posto l’ETD (Emergency Travel Document), un documento di viaggio provvisorio (troverai più informazioni nell’ultimo paragrafo dedicato in quest’articolo);
  2. in tutti gli altri casi (es. cittadino italiano residente all’estero), è bene contattare la rappresentanza diplomatico-consolare italiana di riferimento per seguire la corretta procedura.

Tutto quello che c’è da sapere sulla fototessera del passaporto italiano

fototessera per passaporto italiano

Per richiedere il passaporto è necessario preparare una fototessera, la quale deve rispettare certi parametri. In questo paragrafo parleremo di tutte le cose che rendono la fototessera valida e quelle che non la rendono valida per il passaporto italiano.

Per prima cosa, la foto deve essere recente, non più vecchia di 6 mesi. Le due fototessere che si presentano durante la domanda di passaporto devono essere identiche. Inoltre, la fototessera non deve essere danneggiata o avere scritte sopra.

Ora entreremo in dettaglio nei vari particolari che riguardano la fototessera per il passaporto italiano:

Formato e qualità

  • La fototessera deve avere 40-45 mm di altezza e 32-35 mm di larghezza;
  • La fototessera deve essere ad alta risoluzione e stampata su carta di qualità, preferibilmente opaca;
  • La foto deve essere messa bene a fuoco in modo da facilitare il riconoscimento automatico.

Sfondo e colori

sfondo e colori de fototessera

  • Lo sfondo della fototessera deve essere chiaro in tinta unita, preferibilmente bianco, grigio chiaro o celeste, e deve essere uniformemente illuminato;
  • Nella fototessera, il volto e lo sfondo non devono essere coperti da ombre;
  • Non deve esserci troppa o troppo poca esposizione alla luce. La foto deve rendere al meglio il colorito naturale della persona;
  • La luce della foto deve rendere ben definite le caratteristiche del viso, importanti per il riconoscimento automatico;
  • La foto deve avere colori neutri.

Inquadratura e posizione

inquadratura e posizione per fototessera

  • Nella foto deve esserci solo il soggetto;
  • Il soggetto della foto deve trovarsi in primo piano;
  • Il soggetto della foto deve mostrare per intero la testa e la sommità delle spalle, e deve occupare il 60%-90% dell’altezza della foto;
  • Il viso del soggetto non deve essere inclinato, la posizione deve essere solamente frontale e la testa centrata verticalmente;
  • La foto deve mostrare in modo chiaro tutta la parte frontale del viso ed entrambi i lati del volto;
  • L’espressione deve essere neutra, con la bocca chiusa e gli occhi aperti e ben visibili;
  • Lo sguardo deve essere rivolto verso l’obiettivo, con gli occhi ben visibili e non coperti da capelli;
  • Non sono accettate le fototessere con l’effetto a occhi rossi, gli occhi devono essere ben visibili.

Abbigliamento

Abbigliamento per fototessera

  • Non si può indossare un copricapo nella foto, a meno che non lo si indossi per motivi religiosi. In tal caso, bisogna comunque mostrare chiaramente il viso;
  • Non si possono indossare occhiali con lenti colorate, ma solo quelli con lenti trasparenti che permettano di vedere chiaramente gli occhi;
  • Non si possono indossare occhiali che coprono con la montatura il viso e gli occhi.

Fototessera per bambini

I requisiti elencati prima riguardano sia le foto degli adulti che le foto dei bambini. Nonostante ciò, nelle fototessere dei bambini i requisiti della fototessera possono cambiare a seconda dell’età del soggetto. Ora vedremo qualche esempio:

  • Per i bambini con età inferiore a 11 anni l’altezza della testa nella fototessera deve essere compresa tra i 20 e i 32 mm;
  • Per i bambini con età inferiore a 6 anni l’espressione non deve essere necessariamente neutra, con bocca chiusa e sguardo rivolto alla fotocamera;
  • Per bambini di età inferiore a 6 mesi sono accettabili anche foto con gli occhi chiusi.

Come creare una fototessera fai da te

fototessera a casa

Fare una fototessera può diventare un processo lungo e difficile, e spesso costoso. Anche se non c’è modo di risparmiare sul costo del passaporto, possiamo offrirti un servizio che ti aiuterà a creare fototessere a basso costo che soddisfano tutti i requisiti della fototessera per il passaporto italiano sopra elencati e che possono essere tranquillamente allegate al modulo del passaporto. Sei curioso di sapere come si fa? È un gioco da ragazzi! Devi solo scattare la foto col tuo smartphone e nel giro di qualche secondo avrai una fototessera professionale che soddisfa tutti i requisiti per il passaporto. Quante volte sei entrato nella cabina per fototessera, per poi uscire con le solite quattro foto di cui non sei mai soddisfatto, che per giunta vedrai per anni sul tuo passaporto? Ora, con Passport Photo Online, puoi creare la tua fototessera comodamente dal divano di casa tua, scegliendo la tua foto migliore. La rivoluzione digitale ha i suoi vantaggi, non credi?

Come fare una fototessera per il tuo passaporto

Se cerchi “fototessera vicino a me” o “dove fare fototessera“, Internet ti suggerisce le cabine per fototessera Dedem nelle vicinanze o ti mostra il fotografo professionale più vicino a te, che può chiedere fino a 10/12 euro per le tue fototessere. Ma lo sapevi che la rivoluzione digitale ha portato con sé app per fare fototessere con cui ottenere 4 fototessere di alta qualità editate da un professionista a soli € 4,99? Non ne sei ancora convinto? Ti garantiamo che l’app Passport Photo Online è più pratica e semplice di quanto tu possa immaginare. Continua a leggere per scoprirne di più.

come fare fototessera per il passaporto a casa

Di cosa hai bisogno per creare la fototessera per il passaporto a casa tua?

  1. Una fotocamera o uno smartphone
  2. Il tuo braccio, un selfie stick o qualcuno che vuole farti una foto 🙂
  3. Una stanza ben illuminata
  4. Un outfit curato
  5. Un’app per fototessera

Se hai spuntato i primi quattro punti della lista, sei apposto. Al quinto ci pensiamo noi: Passport Photo Online è indubbiamente la miglior app per fototessera che tu possa trovare sul mercato, che edita le tue foto senza che tu debba essere un esperto di Photoshop. Scatta tutte le foto che vuoi finchè non trovi quella in cui sei venuto meglio. Dopo aver scelto il documento di cui hai bisogno, caricala sulla nostra app o sul nostro sito e mettiti comodo! L’Intelligenza Artificiale modificherà la foto e verificherà se tutti i requisiti sono soddisfatti: l’IA infatti ritaglia e ridimensiona foto online, modifica il formato e lo sfondo della foto per avere uno sfondo bianco sulla tua fototessera online. Trasformare una foto in fototessera non è mai stato così semplice!

Come stampare la foto digitale per il tuo passaporto

Se usi Passport Photo Online, otterrai una foto in formato digitale che puoi scaricare e utilizzare per altri documenti ufficiali, dato che il formato della fototessera è universale. Tuttavia, sappiamo che per richiedere il passaporto italiano è necessario allegare due fototessere cartacee al modulo per la richiesta del passaporto. Non farti prendere dal panico perchè abbiamo pensato proprio a tutto! Un altro vantaggio di Passport Photo Online, infatti, è che prepara un modello di foto stampabili per te. Per stamparlo, il nostro servizio ti offre due comode possibilità a seconda delle tue esigenze.

  1. Puoi scegliere di pagare solo € 4,99 per scaricare le foto precedentemente editate e controllate dai nostri esperti, e poi puoi recarti al più vicino centro di fotocopie e stampe digitali, oppure puoi anche stamparle a casa, se disponi di una stampante professionale.
  2. Puoi ricevere le foto al tuo domicilio con l’opzione di stampa premium a soli € 8,99: un esperto verificherà che la tua fototessera soddisfi i requisiti ufficiali e procederà alla stampa del modello che verrà inviato tramite posta.

Per entrambe le opzioni ti offriamo la garanzia di rimborso al 200% se la fototessera per il passaporto italiano viene rifiutata dalle autorità – uno scenario improbabile data l’efficienza del nostro strumento di IA e la bravura dei nostri esperti. Soddisfatti o rimborsati!

Non dovrai più chiederti e cercare “Qual è il formato della fototessera per passaporto?”, “Dove fare foto per passaporto?” o “Qual è lo studio fotografico più vicino a me?”. L’app si occuperà di tutto quanto.

I vantaggi di usare la nostra app per fare foto per il passaporto

fototessera per il passaporto italiano

Ricapitoliamo i vantaggi di usare Passport Photo Online:

  • Non devi uscire di casa durante il lockdown per cercare la cabina per fototessera o il fotografo più vicino a te.
  • Non devi aspettare in coda per ottenere una fototessera, di cui poi potresti non essere soddisfatto.
  • Puoi scattare tutte le foto che vuoi, prima di scegliere quella che comprerai, così sarai soddisfatto al 100% del risultato.
  • Puoi creare la fototessera per passaporto perfetta dal divano di casa tua ad ogni ora del giorno.
  • Ottieni fototessere digitali a basso costo e nel giro di pochi secondi, che potrai riusare per altri documenti ufficiali come la carta d’identità o la patente.
  • Ci vogliono pochi secondi per modificare il formato della fototessera, per ridurre eventualmente le dimensioni della foto online, così che rispetti la normativa icao per le foto del passaporto.
  • La procedura di richiesta o rinnovo del passaporto si accelera se hai la fototessera pronta.
  • Stampare una fototessera a basso costo non è mai stato così semplice: puoi decidere di risparmiare sulla stampa della foto recandoti al più vicino centro di stampe digitali o puoi ricevere le fototessere stampate a casa tua.

Risparmia tempo, denaro e energia sulla fototessera per il tuo passaporto! Solo grazie al nostro servizio di fototessere online, puoi abbassare il costo del passaporto! Cosa stai aspettando? Vai sul nostro sito Passport Photo Online o scarica l’app per Android o iOS.

Quanto costa richiedere il passaporto o rinnovarlo?

qual e il costo del passaporto

Il tuo passaporto è scaduto o sta per scadere? Vuoi sapere l’esatto costo del passaporto prima di fare domanda?

Il costo del passaporto non è fisso e dipende essenzialmente dal tipo di passaporto richiesto.

Costo del passaporto ordinario

Il costo attuale del libretto è di € 42,50 a cui si aggiunge il contributo amministrativo di € 73,50. Il costo totale del passaporto è quindi di € 116. Dal 24 giugno 2014, non è più dovuto il pagamento della tassa di rilascio e, per gli anni successivi al primo, della tassa annuale governativa nel caso di utilizzo del passaporto per viaggi in Paesi che non fanno parte dell’Unione Europea. All’estero tale modifica è entrata in vigore l’8 luglio 2014. Per quanto riguarda il costo del rinnovo del passaporto? È esattamente lo stesso: il costo del libretto e il contributo amministrativo ammontano ad un totale di € 116.

Costo del passaporto temporaneo

Il passaporto temporaneo è un documento di emergenza su supporto cartaceo. Non contiene il microchip per la registrazione dei dati del titolare. Il costo attuale di tale documento è di € 5,20. Anche in questo caso, non è più dovuto il pagamento della tassa di € 40,29.

Costo del passaporto collettivo

Il passaporto collettivo è rilasciato esclusivamente dalle Questure in Italia per motivi culturali, religiosi, sportivi, turistici, od altri previsti da accordi internazionali. Può essere richiesto dal capogruppo, titolare di un passaporto valido, e consente l’espatrio per un solo viaggio, di gruppi di minimo 5 persone e non superiori a 50. La sua durata massima è di 4 mesi dalla data di rilascio ed il costo attuale di € 5,50. Anche nell’ultimo caso non è previsto il pagamento della tassa di € 40,29.

In alcuni casi eccezionali il rilascio del passaporto può essere gratuito:

  • Quando il richiedente è considerato emigrante. L’articolo 10 del T.U. stabilisce che è considerato emigrante, agli effetti delle leggi e regolamenti sull’emigrazione, ogni cittadino che espatri esclusivamente a scopo di lavoro manuale e per esercitare il piccolo traffico o vada a raggiungere il coniuge, gli ascendenti, fratelli, zii, nipoti e gli affini negli stessi gradi, già emigrati a scopo di lavoro, o ritorni in Paesi esteri ove già precedentemente sia emigrato nelle condizioni previste dal presente articolo;
  • Qualora il richiedente italiano residente all’estero necessitasse di rimpatrio consolare o rientra per prestare il servizio militare volontario;
  • Nel caso in cui il richiedente italiano è indigente (al fine di individuare la soglia di indigenza ci si riferisce ai parametri utilizzati per l’assistenza in ciascun Paese. Per maggiori informazioni si suggerisce di contattare il Consolato nella cui circoscrizione territoriale si è residenti);
  • Se il richiedente italiano è un ministro del culto o un religioso missionario (in questo caso deve essere presentata una dichiarazione del superiore, in carta timbrata, attestando che il richiedente è religioso missionario, con l’indicazione della sua residenza).

rilascio del passaporto come retirarlo

Consegna passaporto

È possibile ritirare il passaporto di persona o farlo ritirare da altra persona, purché il delegato sia maggiorenne, abbia una fotocopia del documento del titolare del passaporto e una delega legalizzata da un notaio o da un ufficiale dell’anagrafe, scritta in carta semplice. La persona delegata deve inoltre portare un suo documento.

Vuoi ricevere il tuo passaporto direttamente a casa? Dal 27 ottobre 2014 ha preso il via su scala nazionale il servizio passaporti a domicilio dove al cittadino che ne fa richiesta, grazie ad una convenzione con Poste Italiane, il documento emesso verrà recapitato a domicilio con un costo di € 9,05 da pagare in contrassegno al momento della consegna, ovvero direttamente all’incaricato di Poste Italiane.

Come funziona il servizio a domicilio?

Al cittadino che intende fruire del servizio, la Questura o Commissariato consegna una busta di Poste Italiane che deve compilare e consegnare sul posto all’Ufficio passaporti, riportando in particolare le informazioni relative al domicilio presso cui si desidera ricevere il documento. In seguito, al cittadino viene consegnata una stampa della ricevuta che contiene anche il numero della busta in modo che potrà tracciare la spedizione sul portale di Poste Italiane. In caso di assenza del destinatario verrà lasciato un avviso di mancata consegna e, decorsi 30 giorni senza ritiro, il documento sarà riconsegnato all’Ufficio passaporti emittente. Per il ritiro alla Posta entro i 30 giorni, vale la procedura standard per il ritiro di posta registrata (riconoscimento del destinatario o di altra persona con delega e fotocopia del documento firmata). In caso di indirizzo errato, Poste Italiane consegnerà il documento all’Ufficio passaporti emittente. In caso di smarrimento della busta, Poste Italiane rimborserà € 50 al cittadino, che dovrà pagare unicamente il bollettino di € 42,50 per ottenere un nuovo libretto.

Quali sono le tempistiche per ottenere il passaporto?

quali sono i tempi di rilascio del passaporto

Una volta presentata la richiesta e i documenti necessari, ci vogliono circa dai 10 ai 20 giorni per il rilascio del passaporto. Tuttavia i tempi di attesa possono allungarsi, quindi vi consigliamo di richiedere il passaporto con qualche mese di anticipo rispetto alla data di partenza, per non incorrere in spiacevoli sorprese e dover rinunciare al vostro viaggio, soprattutto durante l’estate e sotto le vacanze natalizie, periodi in cui le richieste possono aumentare significativamente.

Quali sono i fattori che influenzano le tempistiche per ottenere il passaporto?

I tempi di rilascio del passaporto possono variare: molto dipende anche da quando ti viene fissato l’appuntamento per la rilevazione delle impronte digitali. Quindi è molto importante contattare l’ufficio della questura o il commissariato e informarti sui tempi.

Inoltre, se fai la domanda in un ufficio dove non sei residente, ma solo domiciliato o dimorato, i tempi si allungheranno un po’ perchè andrà richiesto il nulla osta da parte della questura del tuo luogo di residenza.

I tempi di rilascio del passaporto dipendono inoltre dal comune o dalla città in cui viene effettuata la richiesta. In una piccola cittadina i tempi d’attesa saranno decisamente minori rispetto ad una città grande come Roma o Milano.

Il passaporto italiano urgente

richiedere il passaporto italiano

Se vi trovate in una situazione di emergenza e avete bisogno del vostro passaporto nel giro di qualche giorno, dovrete richiedere un passaporto urgente.

Il passaporto urgente è un passaporto temporaneo che viene rilasciato in condizioni particolari per permettere di espatriare a chi deve partire all’improvviso. Poiché si tratta di un documento rilasciato in condizioni d’emergenza, il rinnovo urgente del passaporto non può essere richiesto solo per abbreviare i tempi del rilascio del passaporto normale, ma per comprovata necessità. Si tratta di un libretto di dimensioni ridotte rispetto a quello normale, infatti ha solo 16 pagine, e non ha il microchip. La durata del passaporto urgente è limitata nel tempo rispetto a un passaporto normale, proprio per via della sua eccezionalità. La durata massima è infatti di un anno.

Il passaporto urgente può essere rilasciato in due casi:

  1. quando non si è nella condizione di rilevare le impronte digitali per cause di forza maggiore, come lesioni alle mani;
  2. in casi eccezionali di comprovata urgenza per motivi di salute, lavoro, studio o famiglia.

In tutti gli altri casi verranno rispettati gli ordinari tempi d’attesa previsti per il rilascio del passaporto.

Cosa fare in caso di smarrimento del passaporto

cosa fare quano perdi il passaporto

Hai perso il tuo passaporto e non sai che fare? Questa parte fa al caso tuo. Continua a leggere per sapere cosa fare in questa situazione. In questo paragrafo parleremo approfonditamente di tutto quello che occorre sapere quando si perde il proprio passaporto.

Dove denunciare lo smarrimento del passaporto?

Prima di tutto, quando viene perso il proprio passaporto bisogna immediatamente denunciarne lo smarrimento alle autorità, altrimenti potrebbero verificarsi vari problemi, come il furto dell’identità per commettere reati. Inoltre, la denuncia di smarrimento è necessaria per la richiesta di un nuovo passaporto.

La denuncia si può fare sia dalla Polizia che dai Carabinieri. Durante la denuncia bisogna dare il maggior numero di particolari e dare una descrizione precisa delle circostanze riguardanti l’avvenimento: questo renderà più semplice il processo di rintracciamento e, inoltre, aiuterà anche per la richiesta del duplicato del passaporto.

Richiesta di duplicato del passaporto

Se si perde il passaporto, o questo viene rubato, bisogna richiedere direttamente un nuovo passaporto. Il procedimento sarà quindi uguale a quando si deve richiedere un normale passaporto italiano, con la stessa identica documentazione. In questa situazione è inoltre necessario portare con sé la denuncia di smarrimento o furto durante la richiesta del nuovo passaporto.

Riassumiamo in breve i documenti necessari per ottenere il duplicato del passaporto:

  • Il documento di dichiarazione sostitutiva, che si può trovare sul sito della Polizia di Stato;
  • Un documento di riconoscimento attualmente valido;
  • Due fototessere identiche, recenti e conformi ai requisiti richiesti per il passaporto italiano (di cui abbiamo parlato prima nello stesso articolo);
  • Un contrassegno telematico (marca da bollo) di € 73,50;
  • Una ricevuta di pagamento con conto corrente di € 42,50. Il versamento va effettuato esclusivamente negli gli uffici postali di Poste Italiane mediante bollettino di conto corrente n. 67422808 intestato al “Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del tesoro”. La causale, invece, dovrà dire “Importo per il rilascio del passaporto elettronico”;
  • La ricevuta ottenuta dal sito Agenda Passaporto dopo la registrazione;

Impronte digitali

Quando si fa domanda per un nuovo passaporto è necessario recarsi presso gli uffici di polizia per dare le proprie impronte. Se si fa la domanda presso il Comune di residenza, questo passaggio può essere fatto anche in una data diversa rispetto al giorno della consegna della domanda di passaporto.

Dove presentare la domanda di duplicato

La domanda per un nuovo passaporto si può presentare:

  • in Questura
  • al Commissariato di Pubblica Sicurezza
  • dai Carabinieri
  • presso il Comune

Cosa fare in caso di smarrimento del passaporto all’estero

smarrimento del passaporto all’estero

Ti trovi all’estero e hai smarrito il tuo passaporto? Non hai alcuna idea di cosa fare in una situazione del genere? Non farti prendere dal panico, continua a leggere per sapere esattamente cosa fare.

In un caso di emergenza simile, l’Ufficio consolare italiano può emettere sul posto l’ETD (Emergency Travel Document), un documento di viaggio provvisorio. Questo documento viene rilasciato solo se viene dato il consenso dell’autorità italiana competente in questo campo.

Come si ottiene l’ETD?

Per prima cosa bisogna rivolgersi a un’autorità locale e denunciare il furto o smarrimento del proprio passaporto. In seguito sarà necessario recarsi in consolato o ambasciata italiana per fare richiesta del documento sostitutivo. In caso non ci sia un rappresentante italiano nel posto in cui ci si trova, si può andare presso il consolato di un qualsiasi paese dell’Unione Europea che faccia le veci dell’Italia. In questa pagina si possono cercare i consolati e le ambasciate italiane più vicine in base al posto in cui ci si trova.

Per richiedere l’ETD servono i seguenti documenti:

  • La copia della denuncia di smarrimento o furto del passaporto;
  • Il modulo di richiesta del nuovo documento compilato;
  • Due fotografie a colori e identiche;
  • Titolo di viaggio del richiedente;
  • Ricevuta di pagamento del costo dell’ETD di € 1,55;
  • Ricevuta di eventuali spese es. di spedizione in caso si sia impossibilitati a ritirare il documento.

È bene ricordarsi che i Consolati onorari non rilasciano l’ETD, ma possono solo trasmettere all’ufficio consolare competente le eventuali domande relative al rilascio o consegna del documento.

È consigliato tenere sempre con sé una fotocopia dei documenti più importanti come passaporto e carta d’identità, per facilitare l’assistenza in caso di furto o smarrimento.

Quanto è valido l’ETD?

Questo tipo di documento è valido solo per il rientro in Italia oppure per il rientro nel Paese di residenza permanente del cittadino italiano.
Al rientro in Italia o nel Paese di residenza permanente sarà necessario richiedere un nuovo passaporto, il cui processo richiede gli stessi procedimenti da seguire per richiedere il passaporto per la prima volta.

Cosa fare se il passaporto viene ritrovato

Cosa fare se il passaporto viene ritrovato

In questo caso le Autorità locali restituiranno il passaporto ritrovato all’Ufficio consolare di competenza e il proprietario potrà ritirarlo andando presso lo stesso Ufficio consolare, oppure facendoselo spedire a casa a suo carico.

I passaporti ritrovati che non vengono ritirati dopo un anno di giacenza all’ufficio consolare vengono distrutti.

Fonti:

www.poliziadistato.it
it.wikipedia.org/wiki/Passaporto_italiano
www.esteri.it
www.laleggepertutti.it
siviaggia.it
consmetz.esteri.it
www.travel365.it
www.cittadinanza.biz
www.interno.gov.it
www.dirittierisposte.it
www.laleggepertutti.it
italians.corriere.it
consmadrid.esteri.it
consparigi.esteri.it
www.passaportonline.poliziadistato.it